L sangue

 

È roscio come l foco

e 'n giro ce n'è poco.

È roscio, e ve l'ardico

nn è quistion de partito.

E' tal corpo, ce n'è ncemale,

dua che manca è a l'ospidale

che l'arcercon come l pane

e ce vole a sachette sane

 

Tocca fasse de coraggio

ma senza spettà maggio

doppo poca c(o)lazione

tocca fa na donazione

 

Te careggion col pulmino

a l'ospidale tuquì vicino

e tal braccio co n aghetto

ch' è più fin de no spaghetto

Te ne caveno n tantino

Che te viene l languorino

E doppo na bella tirata

pole fà na gran magnata

 

De siguro nn te se' svenato

de quil sugo c(o)lorato

cussì nn te se' acorto de gnente

ma è 'jutato m mucchio de gente!